Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
11 giugno 2013 2 11 /06 /giugno /2013 09:20

qui di seguito la mozione da me depositata ieri 

 

Intervento diretto a limitare l'apertura di sale gioco ove si pratica gioco d’azzardo legale nell'area comunale

Premesso

  Che la deregulation in materia di apertura di esercizi commerciali ha riguardato, tra gli altri, anche quelli denominati “sale scommesse”, le VTL e gli esercizi di gioco pubblico;

Che la legislazione nazionale ha, di fatto, reso i Comuni soggetti passivi relativamente all'apertura dei suddetti esercizi;

Sono 126 le sale scommesse, incluse quelle bingo e VTL, presenti sul territorio di Milano sotto il diretto controllo della Questura. A queste si aggiungono tutti i locali (bar, tabaccai e altri) che hanno al loro interno le “slot machines” di ultima generazione. Numero determinato dalla metratura del locale.

Che, in tali esercizi, si pratica il gioco d'azzardo legale, a mezzo slot machines e videopoker;

Che è possibile giocare, nelle suddette “slot machines” e “videopoker”, cifre assai considerevoli, così che, in qualche puntata, è frequente che i clienti si giochino e perdano intere pensioni e stipendi;

Che il gioco d'azzardo – seppure “legale” – può dare dipendenza, malattia denominata “ludopatia”;

Che a Milano dal 2009 al 2012 le persone affette da patologia da gioco d’azzardo in carico ai Sert cittadini sono quasi triplicate: si è passati da 92 persone nel 2009 a 265 nel 2012 (dato riferito alle sei sedi di Asl Milano). Delle quali il 78% sono uomini, la maggior parte dai 41 e i 50 anni, oltre il 50% sono coniugati. Il 96% dei casi si tratta di italiani.

Che a Milano la dipendenza da gioco riguarda prevalentemente le slot machine (75%) e Gratta e vinci-lotto/like (14%). Mediamente i soggetti coinvolti hanno un reddito di 1.300 euro al mese e ne spendono nel gioco 1.200, pari al 91% del totale.

Che il numero così elevato di persone che soffrono di ludopatia causa conseguenti e relativi frequenti drammi sociali e famigliari;

Che diverse inchieste sulla criminalità organizzata hanno avuto ad oggetto il mondo delle sale gioco pubbliche, permettendo di scoprire che, a volte, tali esercizi commerciali diventano il mezzo con cui riciclare milioni di euro provenienti da attività illecite;

Che oltre ai già citati drammi sociali e famigliari legati alla dipendenza dal gioco d'azzardo –- le sale ove tale gioco si pratica, sono motivo anche di cambiamento negativo della qualità complessiva della vita della via/quartiere in cui insistono, sia per l'intrinseca carica diseducativa che possono esercitare – in particolare sui minori - con solo la loro presenza, sia perchè connotate da vetrine e luci che invitano al gioco d'azzardo;

Che non esistono normative statali che limitano il numero di aperture sale gioco pubbliche sul territorio, né la vicinanza tra loro, né tantomeno la vicinanza ai luoghi sensibili (come ad es le scuole);

Che, tra l'altro, l’alto numero di sale scommesse/gioco d’azzardo causano danni agli esercizi commerciali presenti sul territorio;

Visto

Che sempre maggiore è la richiesta, da parte della cittadinanza, di strumenti che servano a frenare il dilagare dell'apertura delle suddette sale, per le ragioni in premessa dettagliate;

Considerato

Che l'esperienza diretta ha dimostrato che una delle modalità con cui poter impedire l'apertura di sale gioco d’azzardo /scommesse é aver previsto il divieto di tale attività all’interno del regolamento condominiale del condominio interessato

Preso atto

Che, a fronte dell'attuale legislazione, il Comune di Milano non ha fattivi poteri coercitivi diretti a impedire l'apertura delle sale gioco d’azzardo/scommesse

Impegna il Sindaco e la Giunta

Ad informare la cittadinanza e gli amministratori di condominio dell’ opportunità di inserire nei propri regolamenti condominiali il divieto di apertura di sale gioco d’azzardo/ pubblico e VTL o, comunque, esercizi commerciali in cui si pratica il gioco d'azzardo; valutando se possibile una sorta di premialità quale ulteriore incentivo, che abbia a riconoscere la suddetta scelta virtuosa compiuta dal condominio. A prevedere, inoltre, nei confronti degli esercizi pubblici virtuosi, quali locali, bar e tabaccai, che non occupano spazio all’interno dei propri locali con video slots, una premialità di uso di una parte di spazio gratuito nei de-hors da loro occupati

10/6/2013 Elisabetta Strada – Alessandro Giungi

Condividi post

Repost 0
Published by elisabettastradaxpisapia
scrivi un commento

commenti

Roberta Clerici 06/11/2013 18:45

Ottima idea, Betta, brava! Roberta

Presentazione

  • : elisabettastradaconsigliocomunale
  • Contatti

Profilo

  • elisabettastrada
  • Da giugno 2011 sono Consigliere Comunale della Milano Civica x Pisapia Sindaco
  • Da giugno 2011 sono Consigliere Comunale della Milano Civica x Pisapia Sindaco

Cerca

Link